GIULO WILSON – Soli nel Midwest

giulio-wilson

Fa sempre molto piacere accostarsi ad un esordio discografico di così tanto spessore, prodotto impeccabilmente, suonato da una serie di musicisti di primo livello, ben composto (grazie anche all’apporto, in un brano, di Bobby Solo) e ottimamente arrangiato. Il sound si muove, peculiarità rara in ambito nostrano, attraverso le varie anime del country rock ma in una sorta di “traduzione” italiana. Un’operazione che ricorda quella che Zucchero (a cui talvolta si avvicina l’approccio vocale, vedi in particolare ne “Le scimmie”) ha fatto con il soul blues.  Prodotto originale con notevoli possibilità di arrivare anche in “alto”, grazie a melodie e brani molto accattivanti.

 

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.