John Doe / Tom Desavia – Storia vissuta del punk a Los Angeles

Non era mai esistito niente di simile al punk di Los Angeles e non sarebbe mai esistito dopo.
Abbiamo vinto.

(Exene Chervenka)

E’ un libro commovente, forte, struggente, potente.
Molti dei protagonisti di quegli anni pazzeschi a L.A. si raccontano e raccontano.
Storie di ragazzini, sconvolti non solo da droghe e alcol, ma da qualcosa che non si era mai visto e che non si vedrà mai più.
X, Flesheaters, Go Go’s, Black Flag, Minitemen, Bags, Circle Jerks, Germs e decine di altri nomi si susseguono e accavallano nelle storie che ci propongono John De e Exene (X), Mike Watt (Minutemen, Firehose, Stooges), Tom Desavia (giornalista), Jane Wiedlin (Go Go’s), Henry Rollins, Chris D. (Flesheaters), Charlotte Caffey (Go Go’s), Dave Alvin (Blasters).

Eravamo perfettamente in grado di essere incapaci come tutti gli altri. Non importava che non sapessimo suonare i nostri strumenti – lo VOLEVAMO fare !
(Jane Wiedlin – Go Go’s)

Gli inizi incerti, senza prospettive, concerti in locali allucinanti (il “Masque” in particolare) e i nsituazioni assurde, poi i dischi, le etichette, il successo per alcuni, l’oblìo e la morte per altri.

Anche i musicisti delle band erano così. I concerti consistevano in un continuo scambiarsi i ruoli, passando dal palco al pubblico, non avevo mai visto nulla di simile.
(Mike Watt)

Poi il declino e la trasformazione in qualcosaltro a rendere irripetibile e irripetuto quel momento.
Encomiabile ricordarlo.

Il vecchio punk di fine anni 70, selvaggio, in cui valeva tutto, era stato spazzato via o, comunque, non era iù tollerato, ormai c’erano un sacco di regole da seguire per fare parte del movimento.
(Mike Watt)

Il tutto corredato da 50 fotografie di grande effetto.
Nota negativa nell’edizione italiana la copertina assolutamente impersonale (soprattutto se confrontata all’originale) e il titolo che per quanto più chiaro non può rivaleggiare con “Under the big black sun. A personal story of L.A. Punk”

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.