Maurizio Campisi – Everybody wants to know (La mia vita con i Sick Rose)

Gli Ottanta erano stati i nuovi Sixties ed erano finiti.
E si suona davanti a un pubblico disinteressato che ha altre cose da fare, altri temi di cui parlare, che ti fa capire che il registro è mutato.
Sono così sofisticati, adesso, che discorrono di aperitivi e di mostre monografiche sul nulla.
La musica è diventata un accessorio, per certi versi perfettamente inutile.

Un libro che gronda passione, sincerità e tanta amarezza.
Una storia comune nella sua unicità.
Unica come i SICK ROSE, gruppo tra i più rappresentativi della scena 80’s (tutt’ora in attività), di cui si narra la storia attraverso le parole del loro bassista Maurizio Campisi, comune perchè è simile a quella di tanti, tanti altri.

Anni di sacrifici indicibili, un numero incalcolabile di kilometri su e giù per l’Europa, notti insonni, locali allucinanti, il “successo” a portata di mano, l’illusione, la speranza e alla fine la VITA REALE che ti affronta a muso duro, ti stende con un cazzotto e ti rimette in riga.

Maurizio scrive bene, composto, diretto e chiaro, non fa sconti, racconta lucidamente un’epoca che non esiste più.
Una storia che era giusto raccontare.
E farlo in questo modo.

Stampa Area Pirata

http://www.areapirata.com/dettaglio.php?cod=4578

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.