FUZZ – A.R.T.

FUzz

Un esordio devastante, essenziale, come un bulldozer che spiana un caseggiato. La band torinese spazia da episodi più “melodici” (vedi l’ispirata cover di “Ho in mente te” in chiave QotSA) a sferzate violentissime che fanno impallidire i Deftones e si spingono fino a certi estremismi hardcore metal cari agli ultimi Black Flag o alla Rollins Band. Esordio al fulmicotone, riuscito, potente, spietato.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.