ANDREA CUBEDDU – Nostos

Lasciato alle spalle (per il momento?) il deep blues più duro e primitivo degli esordi, Cubeddu abbraccia una forma cantautorale che mantiene il blues come fondamenta ma si dirige verso una dimensione più personale e intimista. Lunghi brani talvolta quasi in forma di raga/mantra ipnotico che guarda anche al desert sound africano e che si avvicina alla lezione di Cesare Basile. Interessantissimo.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.