ANT LION – A common day was born

Interessante, coraggioso e avanguardistico album d’esordio per una nuova stramba creatura che esce dal sottobosco toscano, composta da Stefano Santoni dei Sycamore Age Simone Lanari dei Walden Waltz,  Alberto Tirabosco (Punk Lobotomy) e Isobel Blank (Vestfalia). Difficilmente codificabile sotto qualsivoglia appartenenza sonora a causa della vastità di riferimenti da cui attinge, dal jazz al post rock, fino a certi sperimentalismi cari alla scena alt-rock italiana dei 70 (da Area a Stormy Six). Il tutto mischiato alle avanguardie sonore che caratterizzavano la prima new wave (Slits, Bush Tetras, Pop Group, James White and the Contortions). Difficile e ostico ma affascinante e “avanti”.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.