Baci e musica

foto 1Non è più una novità! Lo abbiamo fatto qualche volta anche noi, ad esempio con le opere di Ale Puro. Lo abbiamo suggerito come ottimo strumento per trascorrere tempo bello in compagnia di cose belle. Senza dubbio non è una pratica che abbiamo inventato e ci fa molto piacere che, da sempre più parti, si proponga una colonna sonora per accompagnare pezzi di vita.

La musica non è solo utile per i tragitti in auto, per correre (ricordate? La Corsa è Rock!), per perdersi nei pensieri, fare le pulizie di casa e via discorrendo. La musica è una meravigliosa compagna di viaggio che, se ben allenata, può far capolino dal profondo della nostra anima, sollecitata dalle situazioni più disparate: davanti a un paesaggio, può tuonare in testa nel momento di una forte emozione, quindi perché non accompagnare con la musica la visita a una mostra?

È quello che, per esempio, è successo a Milano in occasione delle mostra dedicata a Francesco Hayez, che ha proposto alcuni incontri con personaggi della cultura milanese che hanno accostato l’ideale colonna sonora di questa manifestazione. Gli incontri, promossi dalla Società del Quartetto in collaborazione con le Attività Editoriali e Musicali di Intesa Sanpaolo, sono stati condotti da Andrea Kerbaker e Carlo Sini, che da anni animano la rassegna Parole in Nota. L’intento è rispondere a domande come: qual è la relazione profonda tra un’opera d’arte e la musica? Quale quel legame sotterraneo che, quando guardiamo un dipinto, ci suggerisce una melodia o un assolo? foto 3

Questo è quello che propongono loro, un modo piacevole e innovativo per avvicinarsi all’arte in ogni forma. A me piace suggerire percorsi personali, per scoprire quale musica vi batte in testa di fronte a un quadro, una statua, una città, un tempio. Il bacio di Francesco Hayez, in tutte le tre versioni, mi fa suonare dentro cose diverse, alcune belle… altre più cialtrone. Chi non lo vorrebbe un bacio come questo?

Succede così.
E la vostra anima, che musica suona?

Elena Miglietti

Elena Miglietti

Giornalista, appassionata di Medioevo e pallavolo, scrive favole. Per Coop ha coordinato per diverso tempo la redazione piemontese del periodico Consumatori, essendo anche membro della redazione nazionale. Da anni racconta l'esperienza delle cooperative Libera Terra, che lavorano le terre confiscate alla malavita dell'entroterra corleonese. E' fra i promotori del S.U.S.A. Collabora con Radiocoop dal 2010.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.