BAMBOOZE – Habla Kadabra

Bambooze è un progetto che parla alla pancia, ai piedi e alle mani.
L’obiettivo principale del quartetto è proporre l’unione di ogni possibile influenza musicale dove i ritmi ossessivi e compulsivi dell’Africa si uniscono al pop, al rock ‘n’ roll e al grunge. La missione è operare una destrutturazione del linguaggio verbale per arrivare a un linguaggio pre-grammaticale, scavando nelle radici della cultura umana no a trovare a un sostrato comune di culture, tradizioni e riti. Il linguaggio pre-grammaticale permette di scavare nella parte più pura dell’anima fino ad arrivare ad un fanciullo totalmente pulito dalle brutture del mondo che ci circonda.
A questo fanciullino che vive nella pancia di ogni individuo le canzoni sono dirette, non al cervello.
Un’altra componente fondamentali dei testi dei Bambooze è certamente la giovinezza, la quale viene sempre vista con apparente semplicità, ma in realtà nasconde una complessità e una meraviglia verso l’ignoto che spesso si tende a minimizzare. Questo tema viene di conseguenza affrontato contemporaneamente in maniera scanzonata e profonda, dipingendo tutte le possibili sfaccettature della vita di un giovane uomo o di una giovane donna.

I quattro ragazzi, provenienti da diversi punti del Nord Italia, si sono incontrati al CPM Music Institute di Milano nel 2016 dando vita al progetto Bambooze nel Gennaio del 2017.Il loro primo singolo “Bidibibodibi Boom Chacha” viene registrato a poche settimane dal loro primo incontro ed è accompagnato da un video-clip diretto da Brenno Bonamigo.

Federico Dal Maso, voce e chitarra ritmica
Elia Baccinelli (Inoki Ness), chitarra solista e cori
Simone Colombaretti (Inoki NessLimbo Precario), basso elettrico e cori
Francesco Falsiroli (Inoki NessHesanobodySinphobia), batteria

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.