BUDDA ROCK – Schiavi nel nome

Schiavi nel nome

primo video che anticipa l’uscita imminente dell’album OGNI TUA LACRIMA

Schiavi nel nome è un pezzo di protesta contro un sistema basato sulla bellezza effimera, che guarda solo la superficialità e non il contenuto delle persone.  Uno spaccato di una società finta, dove i contenuti sono totalmente assenti.

BIOGRAFIA

Budda Rock è un progetto, un sogno ricorrente, una meta da raggiungere, dopo 30 anni di musica. La mia avventura comincia in età adolescenziale come batterista dei Radio Ganja, una band che alternava pezzi propri a cover poco conosciute dalla maggioranza. La folgorazione alla batteria l’ho avuta grazie ai Dire Straits ed in particolare al grande Terry Williams. Continuavo a guardare e riguardare “Alchemy” innamorandomi di quello strumento. Dopo lo scioglimento, ho iniziato a suonare la chitarra, inizialmente strimpellando qualche accordo strampalato, e poi, con tanta pazienza, studio, e passione, a fare canzoni. E’ cosi che ha preso vita il progetto “doppio malto”, un duo acustico con repertorio di classic rock riarrangiato . Cresciuto con i grandi classici, dei Beatles, Rolling Stones, Bob Dylan, Led Zeppelin, Hendrix, Otis Redding, e tutto il panorama del soul e del blues che tanto amavo, negli anni, cresce una nuova band, che mi ha portato a fare concerti importanti, sia per location, che per pubblico. Inizia il capitolo Harley Road. Puro divertimento, puro rock. Repertorio classico degli anni 60/70/80/90 dagli Stones ai Guns n’ Roses, passando da Pearl Jam, Stone Temple Pilots, seguendo il filone grunge di Seattle. Tutte tappe necessarie e fondamentali per arrivare ad oggi. Oggi finalmente, propongo me stesso. Propongo la mia storia, la mia vita, i miei pensieri, le mie emozioni, le mie canzoni.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.