CORDEPAZZE – Adriatica

Il videoclip di “Adriatica”, nuovo singolo delle Cordepazze – attualmente disponibile in digitale (ascolta qui) e in rotazione radiofonica, che anticipa il nuovo album in uscita nel 2022.

 

“‘Adriatica’ è una bicicletta. Compagna di giorni interminabili nella città infernale. È lei che ha suggerito la canzone, è lei che ha parlato dell’equilibrio nascosto – spiegano le Cordepazze -. L’equilibrio è quella cosa a cui non pensi mai quando pedali. Pensi a tutto: alla fatica, alle salite, ai pericoli, alle discese, alle macchine che sbucano all’improvviso. Eppure, non pensi mai all’equilibrio che ti fa andare. Come se fosse scontato, banale, dovuto. E invece non è così. È un fenomeno magico e assurdo, delicato e precario. Quell’equilibrio che ti serve per non impazzire per non pensare ai giorni migliori buttati nel cesso, alle occasioni mancate, alle catastrofi. L’inspiegabile, il miracolo, la telecinesi, la levitazione dei corpi. Fa parte di questa categoria l’equilibrio delle nostre vite in bilico.”

 

“Adriatica” è il terzo singolo dopo i brani Mercedes-Benz (c’eravamo tanto armati)”, (GUARDA VIDEOregia e montaggio a cura di Lenny Mellow) e “Operativo” (diretto da Giuseppe Lanno: il video ha vinto la categoria “Best Cinematography” al Metropolis Film Festival di Milano e si è aggiudicato il Munich Music Video Awards nella categoria “Best Actor Music Video” GUARDA VIDEO)

 

Al brano, oltre ai componenti della band Alfonso Moscato (voce, chitarra), Francesco Incandela (synth), Vincenzo Lo Franco (batteria), hanno collaborato Carmelo Drago (basso elettrico) Alice Alagna e Serena Bisconti (cori). Prodotto e registrato da Roberto Cammarata presso il FAT Sounds studio di Palermo (registrazioni aggiuntive presso Bunker Studio di Palermo), missato da Marco Caldera presso il Vulcano studio di Bologna e masterizzato da Giovanni Versari presso La Maestà mastering studio di Tredozio (FC).

 

Vincitori del Premio De Andrè nel 2007, le Cordepazze esordiscono nel 2008 con “I re quieti” (Monnalisa srl), album che cattura subito l’attenzione di stampa e pubblico e li porta sui palchi più prestigiosi. Nello stesso anno sono ospiti del Premio Tenco e la nota rivista musicale XL assegna 5 stelle all’album, inserendo il singolo “La Sinfonica Sociale” nella “Migliore compilation possibile del mese di Dicembre”. Nel 2009 vincono, a Musicultura Festival, il “Premio della Critica”; nel 2010 vanno in tour con Paola Turci per i teatri storici delle Marche, suonano al Live Forum di Assago con Morgan e prendono parte a “La leva cantautorale degli anni zero”, il doppio cd realizzato dal Club Tenco e dal MEI per valorizzare la nuova canzone d’autore. Vincono anche la “Targa D’Argento” alla Mostra del Cinema dello Stretto e il “Premio Miglior Videoclip” al Festival Fatevi i Corti Vostri di Matera. Nel 2013 esce il loro secondo album “L’arte della fuga” di cui fa parte “La Rivoluzione”, brano che li porta nel 2014 a vincere per la seconda volta il “Premio della Critica” a Musicultura. Nel 2020 le Cordepazze tornano a produrre nuova musica insieme al produttore Roberto Cammarata (La Rappresentante di Lista, Waines, Omosumo).

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *