DANIELE FOLLERO – DONATO ZOPPO – Opera rock. La storia del concept album

 

Dettagliatissimo e ponderoso viaggio nelle opere rock e nei dischi concept.
Dai primi tentativi (i concept di “Sell Out” degli Who, “Sgt Peppers”, “SF Sorrow” dei Pretty Things, “The Story of Simon Simopath” dei Nirvana inglesi del 1967) alle opere rock per eccellenza come “Tommy”, “Quadrophenia” e soprattutto “The wall” dei Pink Floyd (a cui è dedicato un ampio capitolo che copre la multimedialità del progetto – disco, live, film).
In mezzo tutto il mondo prog dei 70 che non ha risparmiato energie in tal senso e quello metal/rock anch’esso particolarmente prodigo.
Gli Husker Du di “Zen Arcade” tra i pochi tentativi in ambito punk.
Serge Gainsbourg dedicò il concept di “Vu de l’extérieur” del 1973 al tema dell’ano…(vedi i brani “Panpan cucul”, “Des vents des pets des poums”,”Titicaca”,”Pamela Popo”).
In Italia da De Andrè a Tito Schipa Jr., Osanna e PFM, Rovescio della Medaglia, Giganti, Dik Dik (dimenticando purtroppo “Amore di classe” degli Statuto).
Aneddoti a profusione, molto interessate e completo.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.