DONATO ZOPPO – Il nostro caro Lucio

Un libro perfetto, nella sua essenzialità, per conoscere al meglio l’aspetto artistico e umano di LUCIO BATTISTI che, piaccia o meno, rimane una delle migliori espressioni di sempre della musica italiana del ‘900.

Qui si rifuggono i pettegolezzi pruriginosi, le dicerie, la superficialità.
Si approfondisce al contrario il Battisti artista che, a fianco di tanti brani “facili”, ha messo in fila una serie di album, di progetti, coraggiose proposte, talvolta ermetiche o poco comprese, sempre seguendo un spirito libero, di sperimentatore (“IO SONO OLTRE”), incurante di pubblico o critica (“Lucio Battisti non si vendeva per soldi. Non lo ha mai fatto” – Mogol).

Decine di testimonianze, spezzoni di interviste, di recensioni completano il racconto.
Dagli anni nelle balere con i Campioni, al successo, i (pochi) concerti, fino all’auto esilio e agli album elettronici finali.
Qui c’è tutto, senza retorica o agiografia.

“Io la musica la concepisco come un modo per potersi rinnovare, per potere trovare nuovi stimoli, da non dover diventare noioso, pesante da portare avanti”.

“GIUDICATEMI PER LE CANZONI E SOLO PER QUELLE”

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.