EDMONG G. ADDEO / RICHARD M. GARVIN – Lead Belly. Il grande romanzo di un re del blues

No Lead Belly, no Lonnie Donegan. Perciò, senza Lead Belly non ci sarebbero stati i Beatles
(George Harrison)

Un appassionante e travolgente libro, scritto benissimo e da cui non riesci a staccarti.
La vita romanzata (già di per sé incredibile) del grande bluesman americano, due condanne nei peggiori penitenziari americani tra gli anni 10 e 30, tra sofferenze indicibili, a causa di un omicidio e uno tentato e due grazie ricevute in virtù del suo incredibile talento artistico.

Rissoso, acolista, costantemente impegolato tra donne di malaffare, figli illegittimi, una vita da fare impallidire qualsiasi rockstar.
Episodi incredibili tra successo commerciale (sempre dissipato velocemente) grazie ai grandi John e Alan Lomax che lo scoprono e lo portano alla notorietà non impedendo costanti cadute nel baratro della perdizione.
Non si tirerà mai fuori dai guai, verrà spesso circuito e sfruttato e morirà nel 1949, sei mesi prima che la sua “Goodnight, Irene” venisse ripresa dai Weavers e vendesse due milioni di copie (la moglie non riceverà mai un centesimo di diritti e finirà la vita in povertà).
Libro uscito nel 1971 e poi scomparso dalla circolazione e che finalmente trova una versione italiana.
Consigliatissimo.

Tra i suoi brani diventati famosi “Black Betty” (ripresa dai Ram Jam) e “Where Did You Sleep Last Night” (riproposta dai Nirvana) ma il suo reprtorio é entrato in quello di Eric Clapton, CCR, Odetta, Elvis, Johnny Cash, Van Morrison, White Stripes, Tom Waits etc.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.