GUY LITTELL – One of those fine days

Quarto album per Guy Littell (nome d’arte del cantautore napoletano Gaetano Di Sarno) che ci porta nelle sterminate lande delle radici rock americane (o forse sarebbe meglio dire canadesi viste le forti affinità con Neil Young). Rock dai forti connotati country blues e che guardano spesso anche a Dream Syndicate e Wilco. Chitarre distorte che si alternano ad aperture più acustiche. lavoro davvero ottimo e riuscito.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.