Hady Lamarr… per gentile concessione.

Il 13 novembre ha ospitato una ricorrenza originale, “la giornata della gentilezza”. Difficile definire la gentilezza, difficile anche catalogarla: è un sentimento, un comportamento, una disposizione d’animo? Certo è che quando la gentilezza si palesa in forma genuina, viene da tirare un sospiro di sollievo.

Sempre in questi giorni, il 9 novembre per la precisione, un’attrice meravigliosa e con una storia molto particolare, avrebbe compiuto 100 anni: Hedy Lamarr. Protagonista della prima scena di nudo nella storia del cinema, nel film del 1933 “Estasi”, l’attrice, austriaca di nascita, era una geniale inventrice al punto di brevettare una sorta di segnale radio, usato poi dal governo americano come base per una tecnica di crittografia. E se la natura le concesse l’aspetto più gentile che potesse inventarsi, non lo stesso fece l’America che, incapace di valorizzarne la geniale intelligenza, la relegò al ruolo di femme fatale che lei, gentilmente, interpretò. Ma, per intenderci, la meravigliosa icona, il cui bacio valeva venticinquemila dollari, pose le basi per la tecnologia del cellulare e del WiFi, niente male per un bel musetto!

Il suo fascino elegante conquistò molti uomini, fra cui sei mariti e Gianni Agnelli, folgorato nell’estate romana del 1953, al punto di definirla la donna più bella del mondo. Forse sì, quello che è certo è che se noi oggi facciamo scorrere un dito su una play list, possiamo farlo grazie alla gentile concessione di una bellissima donna, capace di una grande intuizione a cui, un po’ meno gentilmente fu risposto.”Grazie, torna pure a fare l’oca”.

Dopo 100 anni, donne come Hedy Lamarr mancano un po’, gentilmente la onoro con questa canzone.

 

 

 

 

Elena Miglietti

Elena Miglietti

Giornalista, appassionata di Medioevo e pallavolo, scrive favole. Per Coop ha coordinato per diverso tempo la redazione piemontese del periodico Consumatori, essendo anche membro della redazione nazionale. Da anni racconta l'esperienza delle cooperative Libera Terra, che lavorano le terre confiscate alla malavita dell'entroterra corleonese. E' fra i promotori del S.U.S.A. Collabora con Radiocoop dal 2010.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.