Here’s to you Nicola and Bart

Here’s to you Nicola and Bart

Rest forever here in our hearts

The last and final moment is yours

That agony is your triumph!

CopertinaNel 1972 una struggente Joan Baez scriveva un testo, vivificato dalla musica di Ennio Morricone, fra i più compassionevoli della storia: The Ballad of Sacco e Vanzetti. Colonna sonora del film di Giuliano Montaldo con Gian Maria Volonté e Riccardo Cucciola, questo brano è, senza dubbio, il più famoso componimento musicale sulla vicenda dei due anarchici italiani, condannati a morte e uccisi il 23 agosto del 1927 a Charleston; una vicenda triste e ingiusta che vide i due Italiani puniti dopo sette anni di carcere, per un crimine mai commesso. Bisognerà aspettare il 23 agosto del 1977, 50 anni esatti, perché l’America faccia un passo verso la riabilitazione dei due Italiani: sarà Michael Dukakis, governatore del Massachusetts, Greco di origine, figlio di immigranti, a riabilitare Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti con una dichiarazione ufficiale, incisa sul monumento dedicato ai due a Torremaggiore, patria di Sacco.

Molto meglio ha fatto la musica che, sulle note di Morricone e le parole e la voce di Joan Baez, ha consegnato alla storia questa vicenda troppo spesso dimenticata: un ritmo crescente che inorgoglisce a ogni strofa, parole inglesi che veicolano una grande lezione, quella di due poveri Italiani, umili, ma immensi, sacrificati sull’altare della paura e dell’intolleranza.

Nel 2011, nella puntata sanremese dedicata ai 150 anni dell’Unità d’Italia, degli insospettabili Modà, in duetto con Emma, portarono la ballata di Joan Baez sul palco dell’Ariston.

In questo caldo 23 agosto 2013, rendiamo omaggio, con queste mani per lavorare, questi occhi per guardare, questi piedi per camminare, questa bocca per cantare, ma soprattutto con le nostre teste per pensare.

 

Elena Miglietti

Elena Miglietti

Giornalista, appassionata di Medioevo e pallavolo, scrive favole. Per Coop ha coordinato per diverso tempo la redazione piemontese del periodico Consumatori, essendo anche membro della redazione nazionale. Da anni racconta l'esperienza delle cooperative Libera Terra, che lavorano le terre confiscate alla malavita dell'entroterra corleonese. E' fra i promotori del S.U.S.A. Collabora con Radiocoop dal 2010.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.