Kabir Bedi intervista i Beatles

E’ appena uscita l’autobiografia Stories I Must Tell (Westland Books) di Kabir Bedi, il noto interprete di Sandokan.
In cui racconta di un incontro/intervista con i BEATLES nel 1966.
Molto divertente e naif.

Nel 1966, di ritorno da un tour a Manila a Londra, i Beatles fecero una sosta di tre giorni a Delhi.
Kabir Bedi, ai tempi giornalista freelance di 20 anni di All India Radio è riuscito a ottenere un’intervista con i quattro per 30 minuti bluffando con il loro manager, Brian Epstein, che era stata richiesta dal governo indiano.
L’intervista non andò mai in onda e Kabir lasciò la radio, spostandosi a Mumbai, dove ha lavorato in aziende pubblicitarie e in seguito è diventato un modello e un attore.

“Nel 1966, l’anno in cui li intervistai, i Beatles erano diventati uno dei gruppi di maggior successo nella storia della musica pop. La “Beatlemania” imperversava in tutto il mondo.
Ed eccomi qui, un fan pazzo appena uscito dal college, che li intervistava nella loro stanza d’albergo, l’unico giornalista indiano che riusciva a mettersi in contatto con loro.
Ero un fan dal 1963, l’anno in cui mi sono iscritto al college, dopo che mi hanno lasciato senza fiato con I Want to Hold Your Hand e She Loves You.
Nel 1964, ho adorato il loro Hard Day’s Night. Ma Yesterday, nel loro album del 1965 Help, mi ha convertito in un fan sfegatato.
Il loro ultimo album è stato Rubber Soul.

È vero che Rubber Soul ha venduto oltre un milione di copie nei suoi primi dieci giorni?
Paul: Questo è quello che ho sentito anch’io

Adoro “Michelle”, è una canzone così tenera. Cosa ti ha spinto a dargli un titolo francese? Era una ragazza che conoscevi?”
No, no, niente del genere. L’avevo composta molto tempo fa. È una canzone d’amore… Michelle sembrava romantica…

Consideri i toni più morbidi di Rubber Soul come una nuova direzione nella tua musica?
Abbiamo provato un sacco di nuovi suoni, il nostro prossimo album potrebbe spingere più in là un paio di confini.

Stava parlando di Revolver, uno dei loro album più innovativi, uscito un mese dopo. Aveva una musica più radicale e innovativa con Eleanor Rigby, I’m Only Sleeping e il giocoso Yellow Submarine.

Puoi dirmi cosa devo aspettarmi? Sperando in uno scoop di qualche tipo.
Non proprio, Paul scosse la testa affabilmente. Dovrai solo aspettare. Ma è un buon album.

Sono un po’ indiano
George Harrison mi fece un cenno verso di lui mentre pizzicava un sitar. Il suo amore per il sitar lo aveva reso “l’indiano” tra i Beatles.
Volevo sondare il suo rapporto con l’India e lo spiritualismo indiano.

Ci hai entusiasmato tutti suonando il sitar in Norwegian Wood.
Ha accettato il mio complimento con un cenno del capo e un sorriso.
È la prima volta che un sitar viene suonato in una canzone occidentale?
Non riesco a pensare a nessun altro, ha risposto con un accenno di sorriso. Mi piacerebbe usarlo di più.

Successivamente, ha usato il sitar in modo molto più creativo in Love You To e Tomorrow Never Knows, entrambi nell’album Revolver.
Per i suoni sitar di Strawberry Fields ha effettivamente usato uno swarmandal, noto come “l’arpa indiana”.
Come chitarrista solista dei Beatles, era sempre alla ricerca di nuovi suoni.

Porti sempre con te il tuo sitar?
No. Ne compro uno qui.

Qui a Delhi? Annuì mentre lo posava delicatamente.
È buono.

Quello era un mini-scoop. E indovina un po’? George Harrison compra i suoi sitar a Delhi!

Sei influenzato da Ravi Shankar?
È un grande musicista. Sono molto impressionato da lui. L’ho incontrato solo di recente.

Hai intenzione di passare più tempo con lui?
Ho molto da imparare da lui.

Ho letto che ti interessa molto la filosofia indiana…
L’induismo è come un oceano… ho letto Vivekananda.

Swami Vivekananda?
Vivekananda era famoso in Occidente da quando aveva parlato dell’induismo al Parlamento mondiale delle religioni a Chicago.

È per questo che ti chiamano l’indiano dei Beatles?
Sorrise dolcemente. Non sono indiano…
Se cerchi una via, tutte le religioni ce l’hanno.
Puoi dire che sono un po’ indù.
Spero di tornare con i ragazzi un giorno.

Sono passato a Ringo Starr, uno dei migliori batteristi al mondo.
Era assorbito dai suoi giornali, eppure si rivolgeva a me con cordialità.
C’era un calore seducente nei suoi occhi che mi faceva piacere.
Mi sono connesso con lui a livello umano.
Sembrava un uomo per natura onesto.
Ma aveva solo una battuta, o una parola, per ogni domanda che facevo.

Avevi sempre voluto essere un batterista?
Sì.

Avevi una canzone preferita?
Le ballate.

Cosa sapevi dell’India?
Non tanto.

Hai un messaggio per Peter Best, che hai sostituito come batterista dei Beatles?
No.

Mi ha guardato con aria interrogativa e mi ha chiesto:
Come sei arrivato qui?
Gli ho detto quanto fosse stato difficile aggirare Epstein, ma non come l’avevo fatto.
La cosa lo divertiva molto.
Poi, mi sono complimentato con il suo modo di suonare la batteria in Day Tripper.
Mi ha salutato con un sorriso di ringraziamento.

Sono passato a John Lennon. Ma non era ancora pronto per me.
Non ho ancora finito con questo signore, disse John, indicando l’uomo in abito scuro. È il manager di BOAC (la British Airways oggi).

Non posso credere che io stia parlando con John Lennon.
John sorrise e io mi sciolsi.
Quanti anni hai? chiese.

Ventuno. Sono appena uscito dal college. Lavoro per All India Radio.
È una bella età. In quel periodo formammo i Beatles.

Veramente? Non mi ero reso conto che fosse così giovane in quel momento. Avresti mai immaginato di essere così famoso?
Ogni musicista vuole essere famoso.

Cosa significa ‘Day Tripper’?”
Mi guardò con una certa sorpresa.
Beh…una specie di… come un filosofo del fine settimana.

Filosofo del fine settimana?
Sai… persone che non fanno le cose regolarmente.

Posso farti una domanda personale? Se devi, disse, guardingo.

Fumi hashish o erba?
Gli occhi di John si strinsero nei suoi occhiali rotondi.
Stai cercando di mettermi nei guai, amico?
Non conosco le leggi da queste parti. Alcuni musicisti fumano, altri no. Giudicali dalla loro musica.

A giudicare dalla tua musica, sì Scosse la testa, ma calorosamente.
Prossima domanda? disse, volendo chiudere l’argomento.

E l’LSD?
Non l’avevo provato, anche se ero curioso.
Che ne dici?
Ora sembrava sulla difensiva, tutto il suo calore svanito.

Hai mai provato l’LSD?
No, non l’ho fatto. disse John bruscamente.
E chiariamo una cosa, vero? Non mi piacciono le persone che diffondono storie del genere. Può essere pericoloso.
So che vuoi uno scoop, ragazzo.
Non ti biasimo.
Ma qui non posso aiutarti.

Posso abbracciarti?
Lo evitò con grazia.
Mi cinse con un braccio e mi guidò alla porta.
Paul salutò da lontano.
George era ancora concentrato sul suo sitar.
Ringo stava leggendo le sue carte.
Stavo camminando sulle nuvole mentre lasciavo la loro stanza.
Avevo incontrato i miei dei, i Beatles.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.