LA MAISON – Vainehouse

a4281606442_10

L’esordio dell’ensemble livornese, un recente passato da buskers che si palesa spesso nell’album, è brillantemente prodotto da quel genio musicale di Enrico Gabrielli che mette ancora più in risalto l’anima scomposta, disordinata, positivamente caotica del gruppo. Si viaggia sulle strade sconnesse care al Tom Waits più ostico di “Bone machine”, tra fanfare punk, ballate che odorano di Balcani, folk europeo, un inevitabile rimando al Capossela di “Ovunque proteggi” e altre delizie sonore che rendono “Vainehouse” terribilmente appetibile, curioso, imprevedibile e con una sotto traccia inquietante e minacciosa che lo fanno ancora più accattivante.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.