MERIFIORE – Cattive abitudini

CATTIVE ABITUDINI”, il nuovo singolo della cantautrice salentina MERIFIORE, uscito il 3 giugno su tutte le piattaforme digitali per Qui Base Luna / Freecom. Il video, intrepretato e diretto dalla stessa Merifiore, vede protagonista uno dei giocattoli più famosi del mondo: Barbie.

“Il video di Cattive abitudini è un libero sfogo in cui ballo, canto, sudo e faccio quello che farei ad un concerto, tutto ciò che è mancato moltissimo a tanti di noi – commenta Merifiore – È stato divertente seguirne la regia e il montaggio, scegliere gli oggetti di scena e interagire con essi. La Barbie in particolare è diventata quasi una firma, ricorre sempre nei miei racconti. In questo video volevo rappresentare la Barbie del giorno dopo, cioè il giorno dopo una festa”.

“Ogni volta mi sembra impossibile rinunciare al piacere per un po’ di salute” canta Merifiore nel brano scritto insieme al rapper salentino Vipra. E con questa dichiarazione torna a farsi sentire ironica e irriverente, ma accompagnata da un suono decisamente più caldo.

CREDITI

Regia: Merifiore
Riprese: Lorenzo Picarazzi, Martina Yara Pasquali
Montaggio: Merifiore, Lorenzo Picarazzi
Make-up, hair styling: Marilena Palermo, Switch Beauty Concept
Grazie a Freecom Hub, Lepark Milano

MERIFIORE è una cantautrice pugliese. Vincitrice nazionale dell’Arezzo Wave 2014, vanta numerose partecipazioni a festival nazionali e internazionali (Primo Maggio Taranto, Milano Film Festival, Sziget Festival Budapest, CMJ Music Marathon New York). Nel 2016 si fa notare con il suo primo singolo “Tell me” pubblicato da Sugar Music e scelto da SKY Uno come sigla del programma TV #SocialFace. Negli anni consolida la sua esperienza dal vivo grazie alle aperture dei concerti di numerosi artisti: Giuliano Palma, Calibro 35, Cat Power, Willy Peyote, Dente, Beatrice Antolini. Nel 2019 la release di “Non hai mai visto un porno” (Ego Italy) dà il via a una tournée in giro per i maggiori festival italiani.
Il 2020 si apre con il singolo “Senza più chiedere” (gennaio) con il quale l’artista partecipa al concorso di scrittura della scuola autori di Mogol (CET) e il cui testo viene pubblicato in prima pagina nella rispettiva antologia. A maggio rilascia su tutte le piattaforme digitali un nuovo singolo, “Tickets, primo esperimento musicale in Italia che intreccia inglese e cinese, che lancia un messaggio di lotta alla xenofobia. Merifiore porta sul palco tutta la sua energia e voglia di comunicare attraverso una voce calda e potente e un sound ricco di influenze diverse: dall’indie rock all’elettro pop, il tutto al servizio di una scrittura pop dal taglio indipendente. La primavera 2021 si apre con l’uscita di “Valentina” per Qui Base Luna (14 maggio), seguito dal nuovo singolo “Cattive abitudini” (3 giugno), che dà il titolo al tour (Bergamo, Brescia, Verona, Torino, Milano le città toccate).

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.