MICO ARGIRO’ – Hijab ft. Pietra Montecorvino (con Alvaro Vitali)

https://www.youtube.com/watch?v=CODuvIqPtM4&feature=youtu.be

 

Con la partecipazione straordinaria dell’attore e comico Alvaro Vitali, esce il videoclip di “Hijab”, brano dove il cantautore Mico Argirò si fa accompagnare alla voce da Pietra Montecorvino.

«Credo si tratti di un video assurdo e divertente. Ho avuto l’enorme onore di avere al mio fianco Alvaro Vitali, una leggenda che si è prestata a supportare la mia musica. La regia è di Andrea Ranaldo, il montaggio è di Ciro Rusciano e nel video è protagonista Anna Montella, spettacolare modella avellinese; inoltre, ci sono da sottolineare le apparizioni speciali di Kenji (poeta) e Fabio Bortone. Se anche la canzone deve tanto a Milano, dove vivo, il video è girato interamente ad Agropoli (SA), nei luoghi della mia vita, vicino la mia casa d’origine, scelta dettata soprattutto dal destino, che ha scompaginato tutto a causa del Covid. Nel video non manca il tocco irriverente: inizio a cantare vestito da prete e finisco con mascara e velo islamico in testa. Chiaramente, mi sono divertito tanto a girarlo».

Dopo l’uscita dell’album “Vorrei che morissi d’arte” (il quale gli permette, con il video del brano “Il Polacco”, di superare le 119mila visualizzazioni su Fanpage) e del videoclip “Un altro Giugno73”, Mico Argirò torna con questo nuovo brano che lo trasporta e lo proietta in un mondo globalizzato.
«“Hijab” racconta di una notte di sesso con una ragazza araba, con indosso il velo; so che è un tema che potrebbe aprire cento dibattiti, ma mi ci sono buttato affidandomi alla passione; magari anche con un pizzico di irriverenza, ma, di certo, con tanta sincerità. La ragazza di “Hijab” è tutt’altro che uno stereotipo: è oltre ogni discussione da social; volevo fosse così, e credo che la parte cantata da Pietra lo sottolinei chiaramente».
“Hijab” vanta la collaborazione di nomi illustri del panorama musicale italiano, dalla voce di Pietra Montecorvino (registrata da Eugenio Bennato) fino ad Alexo Vitruviano, il quale firma il beat del brano.
«“Hijab” apre a una serie di collaborazioni con artisti di tutto rispetto e che stimo tanto, artisti che hanno creduto nella mia musica e in quello che ho da dire. Pietra Montecorvino ha una delle voci più interessanti, all’interno del nostro panorama musicale; ha un carattere unico, una storia; porta dentro Napoli, la passione, la violenza. Per me è stato bellissimo poter lavorare con lei; la sua voce, per l’occasione, è stata registrata da Eugenio Bennato: quindi, doppio onore. Al beat ha lavorato Alexo Vitruviano, un artista, un cantautore che stimo: è una collaborazione nata all’interno di Smartrise Music Club, un nuovo modo di pensare alla collaborazione tra artisti».
“Hijab” rappresenta una svolta nel modo di comporre di Mico Argirò il quale, dal songwriting di matrice cantautorale classica, passa allo sperimentare nuove formule, miscelando l’elettronica ai suoni acustici.
«“Hijab” segna un grande cambiamento nella mia musica, sia nel modo di fare che nei contenuti: ho sperimentato nella forma, mi sono divertito a mischiare i suoni elettronici a quelli acustici e ho affrontato un tema nuovo per me. Gli unici strumenti suonati dal vivo sono la chitarra, il flauto traverso di Letizia Bavoso e le voci; tutto il resto è sintetizzato: questa è la via delle mie prossime canzoni. “Hijab” anticipa, infatti, un disco irriverente e diverso rispetto a quanto ho fatto finora: mi sono preso il tempo per sperimentare e dire quello che volevo, come volevo. Ho collaborato con artisti diversissimi, ho viaggiato tanto, ho miscelato vari generi. Nei live, che dovrebbero partire in inverno, la cosa sarà ancora più massiva, rispetto a queste prime sperimentazioni in bilico tra il digitale e l’acustico».
“Hijab”, registrata da Ivan Malzone (Ramingo Itinerant Studio), esce per Artist First, distributore tra i più importanti nella nuova scena musicale italiana (Ghemon, Gazzelle, GioEvan).

 

 

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.