Quel ragno di Neil Young e quella blatta di Jerry Garcia

Può capitare di essere un archeologo/antropologo impegnato in scavi in Etiopia, sole e polvere come compagni e una radio sgangherata appoggiata su un sasso. Può capitare di fare una scoperta straordinaria, lo scheletro di una donna vissuta milioni di anni fa, un Australopitecus afarensis e invece di chiamarla “mamma”, quella prima donna passerà alla storia con il nome della canzone trasmessa alla radio durante la scoperta. Ed ecco Lucy, ominide scoperto da Donald Johanson nel 1973, mentre ascoltava Lucy in the sky with diamonds dei Beatles.

La musica accompagna l’attività di molti fortunati che possono lavorare in sua compagnia: chirurghi che operano ispirati da Mozart, officine attrezzate come un rave party, la nostra radio che allieta le ore nei supermercati, atleti che migliorano le proprie prestazioni con musica nelle orecchie. Non stupisce quindi che la musica riempia le ore di scienziati, studiosi, esploratori all’opera nel catalogare, studiare e, qualche volta scoprire nuove specie, nuove costellazioni, nuove fosse oceaniche e chi più ne ha, più ne metta.

In virtù di questa costante accompagnamento musicale ecco che il mondo degli insetti pullula di specie dedicate a cantanti, ma anche i trilobiti non scherzano: ne hanno uno a testa Keith Richards, Mick Jagger e Paul McCartney, addirittura i Sex Pistols si sono aggiudicati un trilobita a testa l’Arcticalymene jonesi per Steve Jones, l’Arcticalymene cooki per Paul Cook, l’Arcticalymene matlocki per Glen Matlock, l’Arcticalymene rotteni per Johnny Rotten e, ovviamente, l’Arcticalymene viciousi dedicato a Sid Vicious. Non c’è la sicurezza su cosa ascoltasse il geologo al momento della scoperta, sicuramente è chiaro il suo gusto musicale.

     

Frank Zappa si aggiudica un saltafango, un pesce che in realtà può camminare sulla terra, ma anche una medusa e un ragno, Freddie Mercury un crostaceo tipico di Zanzibar, sua terra d’origine, Bob Marley un parassita del corallo tipico dei Caraibi e Sting una rana colombiana davvero carina. Esistono, inoltre, una vespetta dedicata a Elvis e un ragno di recentissima scoperta dedicato a Neil Young che fa davvero paura.

Sicuramente gli scienziati responsabili di simili battesimi si distinguono tutti per un aspetto: il loro nome è destinato all’oblio, mentre la specie scoperta diventa degna di memoria per un nome altisonante, anche se non è chiaro se Jerry Garcia, cantante dei Grateful Dead e Beyoncé siano lusingati nel vedersi dedicare rispettivamente una blatta del legno e un tafano!

 

Elena Miglietti

Elena Miglietti

Giornalista, appassionata di Medioevo e pallavolo, scrive favole. Per Coop ha coordinato per diverso tempo la redazione piemontese del periodico Consumatori, essendo anche membro della redazione nazionale. Da anni racconta l'esperienza delle cooperative Libera Terra, che lavorano le terre confiscate alla malavita dell'entroterra corleonese. E' fra i promotori del S.U.S.A. Collabora con Radiocoop dal 2010.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.