TITOR – Novecentonovantanove

NOVECENTONOVANTANOVE è il terzo singolo (dopo i brani “Je M’Accuse!” e “AL.D.LA”) estratto da L’ULTIMO, il nuovo album di TITOR (INRI). In questo caso il videoclip è però supportato dall’intero testo della canzone.

Gli autori del videoclip sono il gruppo di videomakers torinese Kilofilmetro, già all’opera sul precedente “AL.D.LA”, questa volta è Manuele di Siro ad esserci maggiormente prodigato in visionarie animazioni grafiche costruite sulle suggestive tavole di fotomontaggi creati ad hoc dall’artista e fotografa francese Sarah Bouillaud (già autrice dell’artwork dell’intero disco ed altre produzioni fotografiche relative alla band).

 NOVECENTONOVANTANOVE è tra i brani del disco che hanno ricevuto fin da subito maggior riconoscimento, consenso ed attenzione da parte del pubblico e critica.

NOVECENTONOVANTANOVE è una sorta di preghiera ad un dio non più “misericordioso” anzi, anch’egli facente parte della schiera di coloro che tentano invano di “salvarsi”.

Nel testo del brano sono riconoscibili numerose citazioni estratte da canzoni di un certo tipo di musica italiana, appartenenti al contesto cosidetto “nazionalpopolare”: terreno fertile da cui attingere e sul quale poter spingere ancora più in là il senso della canzone stessa.

La canzone dichiara esplicitamente la “disperazione del presente” e tutto ciò che abbiamo ciecamente “perduto” laddove credvamo invece di aver “trovato”.

Probabilmente “siamo già morti dolcemente”.

Siamo dunque tutti noi i “Novecentonovantanove” rispetto a quel “Uno su mille ce la fa…”

Il testo è stato scritto a Parigi da Sabino Pace (cantante della band) trasferitosi definitivamente in Francia, mentre la musica è stata scritta e poi arrangiata in Italia, con base a Torino, dal resto della band (Sandro Serra, Francesco Vittori e Giuseppe Azzariti). Ospite alla voce e cori nel brano, la talentuosa e “storica” cantante torinese, già militante in diverse bands dell’undergound torinese degli anni ’90 e 2000 ed attualmente vocalist per Blue Daville e Spareparts: Lucia Mastrorosa. Così come per Lucia, l’album vede infatti la presenza di ospiti appartenenti alla scena underground torinese, fortemente voluti dalla band, su diversi brani, in nome di una reale stima umana ed artistica.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.