VISIONI DI CODY – Il mondo salvato dai regazzini

Il video accompagna il primo singolo da “Celestino”, nuovo disco della band romagnola secondo cui”In un mondo che ci obbliga all’eccellenza fare schifo è un gesto rivoluzionario”.

Il mondo salvato dai regazzini è un grande poema educativo in due distinte strofe legate da un unico ritornello sovversivo. Si vive sempre con il vago sentore di poter combinare, un giorno, qualcosa di utile. Quando? Forse domani! Così rimandando non la rivoluzione ma un semplice momento di esistenza, si crea la routine. Quanta ne possiamo prendere prima di brillare, quanta ne dobbiamo sopportare? Pietro Bondi ha creato per questo video una stanza psichedelica dove, dopo un ciclo di quotidianità, avviene l’esplosione, i personaggi vengono sottratti al loro campo d’esperienza e catapultati in panni altrui. Viene a mancare il pane di tutti i giorni e quale può essere la reazione – incalzata dal ritornello della canzone – alla domanda “se io non avessi che te” ? Celestino, che nella sua vita è il re della confusione, viene investito ed è testimone del caos più totale. Lo affronta con una tranquilla indifferenza, per lui è cosa di tutti i giorni! Fuoco, sangue, carie, fumo, neve, flessibile, moire greche, rituali e spaghetti. D’altronde in un mondo che ci obbliga all’eccellenza fare schifo è un gesto rivoluzionario

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.