WINTER DIES IN JUNE – Penelope, Sebastian

Secondo album per il quintetto parmense con un concept che racconta la sua storia al contrario, partendo dalla fine. Gli otto brani abbracciano uno spettro di sonorità che passano dal dream pop al post rock, allo shoegaze fino a certa new wave chitarristica dei primi 80’s (da Echo and the Bunnymen a Lloyd Cole and the Commotions). Album che denota notevoli doti di creatività e freschezza, meritevole di un attento ascolto.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.