GUNASH – Great expectations

Al terzo album si affinano abitualmente esperienza e maturità e con queste premesse “Great expectations” arriva perfettamente al bersaglio. Avvalorato dall’apporto produttivo di Rami Jaffee (tastierista dei Foo Fighters) il nuovo lavoro si attesta su coordinate di sapore prevalentemente grunge (Soundgarden in particolare ma con sguardi alle prime esperienze di Alice in Chains e Sister Double Happiness) assimilando però anche suoni di umore prog e più classic rock. Elaborato, curato, sempre ben calibrato, suonato benissimo. Ottimo.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Patty ha detto:

    Ho comprato il cd e li ho visti dal vivo sono veramente forti spaccano di brutto… adoro la ballata The killing silence e need To bleed!!

  2. renato ha detto:

    Anche io li ho visti al Sidro a Savignano sul Rubicone e all’altro quando di Treviso, con Rami Jaffee…..Che dire!!!!! Averne di band cosi’. ho acquistato il vinile con preordine sul web!Tumb Up for Gunash.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.