BEA ZANIN – A Torino come va

zanin

La cantautrice e violoncellista Bea Zanin affronta la prova d’esordio (già preceduta da un EP)  facendo coraggiosamente riferimento a sonorità desuete  che ci riportano ai primi vagiti della new wave a cavallo tra i 70’s e gli 80’s (primi Ultravox!, Human League), Kraftwerk e gli italianissimi Krisma e Garbo, senza dimenticare la lezione dell’ultimo Battisti e del Battiato elettronico. Interessante e intrigante

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.