BEATRICE CAMPISI – Angelo verde

E’ un brano onirico e surreale che parla per immagini ed evoca paesaggi urbani grigi e affollati. Il ritmo ossessivo e incessante della città produttiva e in movimento, fra il pulsare del traffico, le folle che si accalcano in metropolitana, il ticchettio di orologi che scandiscono esistenze in perenne affanno.

E’ Angelo Verde, il nuovo singolo della cantautrice Beatrice Campisi tratto dal suo ultimo album “Ombre”.

Le sonorità catapultano l’ascoltatore al centro del caos cittadino grazie ai movimenti del basso, dagli intrecci acidi e distorti di chitarre elettriche e dai suoni sintetici, che passano dai momenti rarefatti delle strofe a crescendi strumentali che esplodono in ritornelli scanditi dal martellare ostinato della batteria. Così come accade nel video firmato da Lù Magarò che accompagna l’uscita del singolo (il video: https://www.youtube.com/watch?v=M4R0HzSbMOs&feature=youtu.be).

CREDITI BRANO E VIDEO

Produzione artistica: Alosi

Voce e chitarra acustica: Beatrice Campisi

Cori e basso: Elisabetta Campisi

Piano: Riccardo Maccabruni

Batterie, percussioni, synth: Alosi

Chitarra elettrica: Riccardo Ferraro

Registrato e mixato: Downtown Studios (PV)

Masterizzato: Duna Studio (RA)

Label: Beatrice Campisi / Mezzanotte

Edizioni: 900B / Mezzanotte

Distribuzione: Fuga music e IRD

Video e montaggio di Lù Magarò

Riprese seconda camera e drone: Gabriele Zanoncelli

Con:

– Beatrice Campisi (voce e chitarra elettrica)

– Elisabetta Campisi (basso)

– Andrea Pisati (batteria)

– Riccardo Maccabruni (tastiera)

Comparse: Emma Tanzariello, Filippo Milani, Lilluz, macchinista anonimo

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *