BEPPE CUNICO – Unleash The Beauty

«“Unleash the beauty” è una condanna nei confronti del lavoro fatto dall’industria musicale, che ritengo essere una filiera volta a promuovere spesso una musica priva di identità e creatività. Con questa canzone mi piacerebbe spronare artisti e sognatori a ribellarsi a questo meccanismo deleterio». Beppe Cunico

SUL VIDEO: «Attraverso le animazioni astratte ed i cambi di colore di questo video, ho voluto rappresentare sia la tristezza che provo nel vedere la decadenza della musica, dell’arte e della cultura in generale, che la voglia di rompere questo torpore attraverso una ribellione creativa. Da un lato c’è il cosiddetto show business, penso alle major discografiche, avide e prive di scrupoli, ai talent show buoni solo per vendere abbonamenti alle pay tv, grazie a scenografie spettacolari e coreografie fantasmagoriche. Dall’altro invece c’è la passione sfrenata, quasi rabbiosa, che porta molti musicisti a creare, ad esprimersi liberamente senza pensare al successo, dando vita a musica autentica, suonata senza porre limiti alla fantasia e all’immaginazione. È uno sprono a liberarsi dagli stereotipi musicali attuali, privi di ogni anima e ricerca, ed abbracciare la vera musica, quella in grado di salvare il mondo dall’autodistruzione, portando dialogo, unione ed amore». Beppe Cunico

Il singolo è il secondo estratto dall’album d’esordio in uscita a metà novembre 2020 “Passion, Love, Heart & Soul”. Si tratta di un disco che affonda le proprie radici nel prog/rock anni ‘70, affrontando tematiche che nascono da episodi di vita vissuta. Filo conduttore comune resta il voler comunicare sentimenti quali amore, amicizia e passione, ovvero la benzina ha permesso all’autore di affrontare tutti i momenti difficili del proprio passato.

Autoproduzione

Radio date: 30 ottobre 2020

Pubblicazione album: metà novembre 2020

BIO

Beppe Cunico è un cantautore, batterista e ingegnere del suono di Vicenza.

Appassionato di Prog-Rock fin da bambino grazie ad i vinili del fratello maggiore, il giovane musicista s’innamora della batteria. Le prime esperienze importanti arrivano con la sua seconda band, i “D’as Hirth”,

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.