BOB DYLAN – Rough and rowdy ways

 

“I was born on the wrong side of the railroad track/Like Ginnsberg, Corso and Kerouac”. In una riga la storia di una vita.Difficile fare meglio. Ma lui é Bob Dylan. Che scrive il miglior album da un sacco di tempo.<BR>Dolente crudo blues decadente. E la sua voce, le sue liriche.<
Poi c’è “Murder most foul” , 17 minuti per un’opera che travalica ogni concetto musicale e mette la pietra tombale sul secolo scorso.  Troppo importante.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.