BOLIVAR – Oltre ogni ragione

 

La scena di un processo come teatro metaforico del racconto della difficoltà riscontrata nella genesi di un progetto musicale.

 «Siamo nella scena di un processo, dove sta per essere condannato un innocente. L’imputato in questione è accusato di possedere una dote, una sorta di potere inesplicabile che, in succo, è quello dell’arte. E quest’uomo passerà per un matto. La storia è raccontata in prima persona dall’imputato, ma ci sono anche degli spostamenti di prospettiva e di punti di vista. E il protagonista si difende esprimendo più o meno questo concetto: “Come puoi tu, che vivi una vita costantemente formalizzata, guidata dai tuoi codici e dai tuoi abiti, che hanno ormai preso il sopravvento sulla tua natura di uomo, come puoi tu che sei il prodotto di parole che qualcun altro ha scritto perché tu le applichi, giudicare chi invece è atto spontaneo, creativo, e che dunque non puoi comprendere?”. Ma ad uno snodo cruciale di questa storia surreale si scopre che, tutto è il prodotto di un’ennesima arte, che si tratta semplicemente della scena di un film surreale e che dietro il tutto c’è un altro uomo, il regista del film, che a sua volta sarà giudicato per matto, per aver partorito questa storia». Bolivar

 

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.