DALE – Yes, I will

“Yes, I Will”,  il video del nuovo singolo di Dale, giovane e promettente cantautrice pop di origini italo canadesi. “Yes, I Will”, già disponibile in digitale, in streaming e in rotazione radio, rappresenta il terzo brano inedito di Dale, che arriva dopo una carriera di dieci anni di esibizioni con il “The Fame Monster – Lady Gaga Tribute”.

 “Yes, I Will” è un brano pop mid-tempo con una doppia personalità: strofe scarne, malinconiche e introspettive si abbinano a un ritornello massiccio e quasi ridondante, ricco di sonorità elettroniche.
L’elemento di separazione è nel bridge, momento in cui cambia totalmente l’atmosfera dell’arrangiamento che diventa quasi “creepy”.

 Il titolo “Yes, I Will” riassume il concetto chiave del brano: Yes, I Will (sì, lo farò) è la promessa da fare a sé stessi per rimettersi in carreggiata dopo aver toccato il fondo, dato che la rinascita è la migliore arma contro i propri nemici. Nel video di “Yes, I Will” vediamo Dale abbandonata nel nulla in mezzo alle macerie, prigioniera di mura fatiscenti. Ormai stufa di vivere in cattività, la ragazza decide di fare scuola delle proprie esperienze e di trovare una soluzione per evadere da questa condizione. Nella disperata ricerca, troverà una chiave che le permetterà di uscire dal cancello che la teneva a distanza dal mondo. Una volta varcato il cancello, Dale trova a terra una rosa rosa, simbolo di nuove prospettive, e voltandosi indietro si renderà conto che quel luogo marcio in cui è stata rinchiusa per tanto tempo non è mai esistito: era solo nella sua mente, frutto delle cattiverie e soprusi, mai affrontati fino a quel momento.

 

“Yes, I Will” è stata scritta, composta e interpretata da Dale. Prodotta da Ivan Moni Bidin, mix engineer Michele Suzzi e master a cura di Tommy Wiggins (vincitore di 5 Emmy). Studio di registrazione: 11a Studios e  Artesonika Recording Studio. Il video è opera del regista Gabriele Canepa.

 

 Dale, all’anagrafe Dale Aurora Ishtar Lapointe, è una cantante e cantautrice Pop di origini italo-canadesi, scrive le sue prime canzoni all’età di dodici anni avendo come sogno nel cassetto quello di diventare una Popstar.
La sua carriera artistica inizia con il progetto “The Fame Monster – Lady Gaga Tribute” con il quale, in dieci anni, si esibisce sui più importanti palchi italiani ed esteri. Nel 2014 condivide il palco con Lady Gaga stessa a Zurigo e nel 2015 si esibisce presso il teatro nazionale di Bangkok. Nel 2017 inizia a pubblicare i suoi brani inediti. Il suo primo singolo si intitola “Tinkerbell”. Questo brano è un filo conduttore tra la sua carriera legata a Lady Gaga e quella personale svincolata dalla tribute.  “Tinkerbell” è una ballad piano e voce, colonna sonora di un fan project ideato da Dale in collaborazione con la community “Lady Gaga Explore”.  Il ricavato delle vendite del brano verrà poi destinato all’ente benefico “Born This Way Foundation” fondato da Lady Gaga e sua madre. Incoraggiata dai risultati di “Tinkerbell”, Dale pubblica un secondo singolo totalmente svincolato da Lady Gaga. Il 26 Febbraio 2018 esce “The Flow”: un brano pop molto catchy, ricco di svariate contaminazioni musicali e che differisce volutamente dagli standard imposti dal mercato Pop odierno. Per Dale la musica pop ha subito un netto cambio di rotta a partire dal 2011 e il suo intento, attraverso i propri brani, è di ritornare al pop dei primi anni 2000, reinterpretandolo in chiave attuale e moderna senza privarlo del proprio tocco personale. Dale come artista emergente e indipendente è riuscita ad entrare nella top100 e top50Pop di iTunes italia con entrambi i singoli “Tinkerbell” e “The Flow”, i relativi videoclip totalizzano una media di 15mila visualizzazioni. Nell’ultimo anno Dale ha lavorato in studio per ultimare i prossimi brani in uscita, tra cui “Yes, I Will che verrà rilasciato il 30 Aprile 2019

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *