DEAD CAT IN A BAG – Sad dolls and furious flowers

Il terzo album sublima la band al meglio della maturazione stilistica e compositiva attraverso tredici intensi, malefici, scuri, ostili brani che scavano del blues moderno, cogliendo petali malati dalle rose nere che crescono nei giardini di Nick Cave, Tindersticks, Tom Waits. Esemplare in tal senso la straziante versione di “Venus in furs” dei Velvet Underground. C’è un’anima folk, di quello rurale, profondo, spietato a condire il tutto e a renderlo superbo. Album di prima qualità.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.