DIABOLICO COUPE’ – Little Carmine

cover_1

Il quintetto piacentino (i cui membri hanno brillanti trascorsi in alcune tra le migliori bands della scena garage/rock n roll/punk nostrana, dagli Hermits ai Morticia Lovers ai Supereroi) firma il secondo album con un’ inequivocabile introduzione nelle note di copertina: “Il surf non è un genere musicale ma uno stato mentale”. Ovvero quello in cui ci accompagnano i dieci brani strumentali di “Little Carmine”,  tra surf classico, exotica, ruvida lounge e il più deragliante rock n roll (dalle parti di Link Wray e Sonics). Nessuna sorpresa ma nessuno l’avrebbe desiderata perchè guai a toccare un genere, scusate, uno stato mentale che non ha bisogno di nessuna interferenza, soprattutto quando è eseguito così bene, con tanta convinzione e altrettanta passione.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.