DUE MINUTI D’ODIO – Le Ore

 

Due minuti d’odio è un progetto che (adottando come nome un importante passo di 1984 di George Orwell) sorge dalle ceneri dei Peacebreakers, rock band napoletana attiva dal 2004.

La band nasce a Napoli in uno dei tanti garage sottratti alle automobili e trasformati in laboratori di suoni e sogni. E’ infatti da quasi dieci anni che il gruppo gira l’Italia proponendo le sue canzoni – rigorosamente cantate in italiano – d’un genere che è perfetto punto d’incontro tra musica d’autore e punk rock genuino e d’impatto, tra il buon testo riflessivo e stimolante , che però nel corso del tempo ha subito l’influenza di molta altra musica: il punk rock d’autore dei Peacebreakers approda, infatti, al nuovo progetto Due minuti d’odio condito di musica moderna ed elettronica, rendendosi ancor più coinvolgente e accattivante e realizzando uno stile tipico e personale.

Prima di diventare Due minuti d’odio la band si è esibita in importanti contesti, tra i quali la Mostra del Rock organizzata da Red Ronny in piazza del Duomo a Milano, il Meeting del Mare e lo Zungoli Festival, e le più note rassegne rock annuali del sud Italia. Ha aperto concerti di importanti band del panorama rock italiano, quali – tra le altre – gli Zen Circus e J-Ax, e ha suonato in piazze suggestive in giro per l’Italia. In più hanno raccontato la loro storia sul canale televisivo MTV nella settimana dell’Mtv day del 2010.

Nel 2015 la band lancia l’album “Rovinati”, seguiti in tutto l’iter di registrazione e produzione da Kristian Maimone e Giovanni Santoro presso La Casetta Studio di Torre del Greco(Na). I testi, ispirati al contesto contemporaneo attraverso il quale l’uomo post-moderno da insofferente e reattivo è reso indifferente e impotente, si distendono su solide tracce rock impregnate di musica pop ed elettronica, in un esperimento del tutto personale: supporto ideale per le liriche d’autore di Cristiano, soggetti dalle atmosfere rassegnate, spunti reazionari e un persistente senso d’oppressione. Un assaggio di questo particolare mix di suggestioni è il primo singolo estratto, Le Ore, al quale è dedicato anche un videoclip, in cui è inserita una citazione tratta dal film “Orwell 1984” di Michael Redford (adattamento cinematografico

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.