EDOARDO CHIESA – Il filo

Il clip si basa “sulla contrapposizione tra l’immobilità del protagonista e gli scenari frenetici di New York in cui è calato. Come se si fosse fermato per un attimo e si sentisse alieno in mezzo al caos e alla superficialità quotidiane.

Tirando questo filo cerco di migliorarmi la vita, di tirarla nella direzione opposta e contraria alla quella della corrente che spesso spinge verso rapporti sociali superficiali, mestieri che non hanno più ‘arte’ ma che prescindono dalle sole logiche economiche, tecnologie che diventano fine e non sono mezzo.

Sono queste le parole che Edoardo Chiesa utilizza per presentare “Il Filo”, secondo brano estratto dal nuovo lavoro “Le nuvole si spostano comunque” dopo la ghiotta anticipazione di “Dietro al tempo” dello scorso ottobre

Il Filo”, che è anche il singolo radiofonico del disco, è accompagnato da un video girato con l’iPhone dallo stesso Edoardo insieme a Marta Ballestrero e prodotto da L’Alienogatto. Un clip interamente realizzato a New York la scorsa estate, tutto giocato “sulla contrapposizione tra l’immobilità del protagonista e gli scenari frenetici in cui è calato. Come se si fosse fermato per un attimo e si sentisse alieno in mezzo al caos e alla superficialità quotidiane.

Al pari di tutte le altre nove canzoni di “Le nuvole si spostano comunque” anche “Il Filo”è un brano di cantautorato pop interamente acustico: voce, chitarra, basso, batteria e nient’altro, se non un’attenzione al dettaglio determinante e al calore del suono ottenuti con una registrazione in presa diretta e su nastro. E’ questa la formula che Edoardo Chiesa ha deciso di adottare per il seguito del fortunato esordio “Canzoni sull’alternativa” e dopo un tour di oltre cento date in due anni.

Le nuvole si spostano comunque” – in uscita il 19 gennaio per Dreamingorilla Records / L’Alienogatto – è un disco che punta tutto sull’essenzialità e sulla qualità di scrittura, tenendo ben presente la tradizione dei cantautori italiani e lasciando che sia l’alto gradiente espressivo delle canzoni a fare il resto. Edoardo ha la rara capacità di mettere in fila quelle cinque-sei parole semplici e quotidiane che vibrano sulla melodia e diventano dei piccoli tesori da tenere stretti. Il suo power-trio completa l’opera spargendo di volta in volta groove, suoni setosi e leggerezze marine.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.