EDOARDO PASTEUR – Dangerous man

L’esordio del cantautore genovese è all’insegna di un sound che attinge a piene mani dalla tradizione roots rock americana. Echi del classico songwriting alla Bruce Springsteen ma anche Leonard Cohen, Neil Young, J.J.Cale, un tocco blues, un po’ di gospel e riferimenti non troppo velati ai Rolling Stones anni 70. I testi  in inglese omaggiano cult movies come Big Fish di Tim Burton o The Warriors di Walter Hill e  autori come Cormac McCarthy,  T.E. Lawrence, e Salinger. Tredici brani mid tempo, sonorità soffuse, un buon disco.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.