FABRIZIO TAVERNELLI – Homo distopiens

Ex pilastro portante di due esperienze seminali come En Manque D’Autre  e  AFA (Acid Folk Alleanza), di cui conserva nell’esperienza solista molti elementi a livello di approccio e attitudine, giunge all’approdo del quinto album. Il sound è avvolgente, sinuoso, malinconico e romantico. Attinge dalla canzone d’autore italiana più profonda mischiandola con un gusto new wave decadente anni 80 (da David Sylvian a John Foxx) e con le suggestioni nostrane dell’epoca (vedi CSI). Bello e intenso e splendidamente realizzato a livello di suoni e produzione.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.