FRANCESCO TIRELLI – Mai

Si intitola MAI il nuovo video e singolo dei FRANCESCO TIRELLI. Una performance a tutto rock che conferma gli istinti ruvidi della band di Reggio Emilia.

FRANCESCO TIRELLI è il nome della band, ma anche del suo frontman, che ribadisce con questo brano il proprio profondo attaccamento al rock delle radici, con un video girato in verticale e “in casa”, ma con tutta la passione e la professionalità che questi ragazzi emiliani sanno trasmettere, soprattutto quando salgono su un palco.

“Mafia, corruzione, malgoverno. Quante volte ci siamo sentiti dire che questo Paese non si può cambiare e l’unica soluzione è di emigrare all’estero? “Mai” è l’inno di chi sceglie di resistere per provare a cambiare il Paese più bello del mondo”.

FRANCESCO TIRELLI è nato a Reggio Emilia il 16.03.1985, 23 giorni dopo ALAN BELLI, nato il 21 febbraio dello stesso anno, nello stesso ospedale. Tre anni dopo si sono incontrati alla scuola materna, diventando subito inseparabili. Alle elementari le prime lezioni di chitarra in un corso pomeridiano presso la scuola.

Al liceo il progetto della prima band (i Sex on the Beach) che ha suonato in qualche festa locale.
Nel frattempo Alan ha iniziato a suonare il basso e Francesco a cantare. Solo nel 2010, a 25 anni, mentre continuavano le loro vite universitarie, Francesco laureandosi in legge, Alan in biotecnologia, arriva la scelta di pubblicare il primo album, trasformando in musica alcune delle poesie che Francesco scriveva da bambino.

È così uscito COME L’ACQUA: un album con canzoni scritte tra liceo e università, conosciuto dai fan soprattutto per TI DEDICO UN SOGNO, canzone scritta da Francesco per sua cugina e che ancora oggi è uno dei pezzi più ascoltati. Per fare un album, però, serviva dare un nome alla band. Le idee erano tante, ma nessuna convinceva del tutto. Così Alan ha proposto quella più semplice: “le canzoni le scrivi tu, chiamiamoci FRANCESCO TIRELLI”.

“Sì ma non come se fossi un cantautore, facciamolo come i Bon Jovi, come nome del gruppo”: scelta coraggiosa che porta spesso a incomprensioni sul fatto che si tratti di una band e non di un cantante, ma è una loro scelta che portano avanti con orgoglio.

Nel 2015 la più grande rivoluzione della formazione, dopo l’abbandono del batterista e del chitarrista della prima ora, con l’ingresso di STEFANO GERMINI alla chitarra. Stefano, di pochi mesi più giovane e amico da anni di Francesco e Alan è stata la scelta più ovvia e più semplice, migliorando enormemente il livello della band e diventandone parte integrante ed imprescindibile.

Con questo gruppo è stato pubblicato IL DIARIO, il secondo album. Il disco che contiene tra le altre IL PONTE SULLA LUNA, LONDRA e VA COSÌ ha avuto una visibilità maggiore del primo, finendo anche in mano a MARCO GATTI che ha contribuito enormemente alla crescita artistica della band. Infatti grazie all’arrangiamento di Marco sono stati pubblicati, negli anni successivi altri due album.

L’UNIVERSO DENTRO, uscito nel 2016, dal quale sono stati estratti i singoli L’UOMO DEL TEMPO, TRA LHASA E BUENOS AIRES, POLVERE e SOLO UNA CANZONE.
Poi RADIO LONDRA, del 2018, contente tra le altre ATTIMI e OGNI GIORNO.
Nel 2019 si è aggiunto CLAUDIO BENASSI, un altro amico d’infanzia, come seconda chitarra, e HASHTAG, il primo singolo che ha anticipato il quinto lp, è stato il più grande successo della band, come dimostrano i numeri su Spotify e Youtube. Durante la quarantena la band, a distanza, ha scritto, registrato e pubblicato, a scopi benefici, un minialbum di tre sole tracce, chiamato FASE 3. IL DECALOGO è uscito come secondo singolo e video del nuovo album. Il 4 settembre 2020 esce MAI, nuovo singolo e video e ulteriore tappa di avvicinamento al nuovo album.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.