GIANNI VENTURI /LUCIEN MOREAU – Kaddish

Classica, elettronica, un flusso di coscienza inarrestabile contro la guerra, contro la violenza che miete vittime nel mondo.

Bombe, bombe. Parole che ci prendono alla gola.

Parole pensando alla beat generation, ad Allen Ginsberg, con la cui voce si apre Kaddish.

Una voce “usata” da Moloch per pagare tributo al grande artista e scrittore americano che ha messo in moto una curiosa “liaison” tra Moloch e la famiglia di Ginsberg.

La famiglia di Ginsberg infatti ha prima bloccato il video, e poi dato il consenso all’utilizzo della voce dell’artista.

Questo episodio ha creato rumore negli States, tant’è che il video è stato prima presentato oltre oceano, dove ha avuto, come potete vedere, un notevole numero di visualizzazioni.

 “Oltre che ad Allen Ginsberg “Kaddish” è dedicato a Frida Kahlo, William Blake, David Bowie e un migliaio di altri artisti, nostri fratelli e sorelle, icone coraggiose di una vita senza compromessi”

MOLOCH

 Gianni “Jonathan” Venturi (voice) and Lucien Moreau (instruments).

Dedicated to Allen Ginsberg,

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *