GIGI MASTRO – Come in California

 

Un singolo di speranza che regala un respiro d’estate che è alle porte

 

“Come in California” vede esordire il cantautore Luigi Mastrodonato, in arte Gigi Mastro, come solista. Un pezzo dalla leggerezza estiva pop, plasmato con la partecipazione del Produttore Artistico Francesco Corvino, carico di resilienza e di un messaggio di speranza durante la quarantena dovuta al Covid 19. Un’ondata di buon umore che apre la strada alla stagione estiva post pandemica.

 

Ideato per la challenge Musplay #radunivirtuali della piattaforma musicale Musplan, il singolo Come in California è un inno alla resilienza, un incoraggiamento al non farsi sopraffare dalla guerra silente vissuta nella trincea delle proprie case da oltre 60 milioni di italiani.

 

 

 

Luigi Mastrodonato, l’autore che esordisce per la prima volta come solista, , descrive bene

all’interno del testo della canzone come il Covid 19 sia un nemico invisibile ma

incredibilmente insidioso, che ha portato con sé altre prove non meno impegnative come

cambiamenti lavorativi, problemi economici e psicologici, dovuti alla distanza, alla solitudine

e alla perdita di quella libertà così semplice quanto preziosa come concedersi un profondo

respiro, scaldati dal sole, abbracciati ad una persona cara.

Grazie al batterista Antonino Petralia, il pezzo è arrivato alle orecchie esperte del Produttore

Artistico Francesco Corvino che si è offerto di contribuire alla realizzazione di gran parte

della traccia musicale e al mixing audio, semplicemente in nome della propria passione per la

musica.

Come in California si presenta come una canzone che descrive appieno la vita surreale

passata durante questi due mesi di quarantena, caratterizzati dai canti affacciati sui balconi,

l’inno nazionale intonato con sentimento di speranza, augurandoci che tutto vada bene. Si

propone come la canzone estiva di una stagione che sarà diversa da qualsiasi altra,

un’estate paragonabile ad un cavaliere che ci salverà. E non c’è nulla da fare che non “stare a

guardare” attendendo che tutto passi, come un brutto temporale primaverile, “sorridendo

alla vita”.

 

BIOGRAFIA DELL’AUTORE – LUIGI MASTRODONATO

 

 

Affascinato fin dalla tenera età dall’organo che la

nonna teneva in casa, Gigi Mastrodonato ha

sempre avuto ben chiaro quale sarebbe stato il

suo futuro.

Avvicinandosi al mondo musicale suonando la

diamonica e successivamente il pianoforte alle

scuole medie, non abbandonò mai quest’ultimo

strumento che gli regalò suo padre, anche se

non seguì il suggerimento dei suoi professori

nell’intraprendere un percorso al conservatorio.

Nel 2000 ha l’occasione di lavorare al fianco di Dj dado (acclamato artista degli anni 90 con

produzioni come il remix della sigla di X-Files, Coming Back e tanti altri successi) come

vocalist in tour nelle discoteche d’Italia.

Nel 2006 inizia a studiare canto e armonia funzionale in una scuola privata di musica e

partecipa ad alcuni concorsi nazionali, che gli permettono di crescere come cantautore.

Nel 2011 fonda la bad Audiofono.

Nel 2013 partecipa come solista ad Area Sanremo per Sanremo giovani. Successivamente

esce con gli Audiofono il primo album scritto interamente da lui, grazie all’etichetta MS

Records di Paolo Anessi: Non c’è fine che entra nelle classifiche Airplay.

Il 17 marzo 2020 esce il suo ultimo lavoro in veste di compositore: Matita in collaborazione

con l’autore Emanuele Campasano.

Attualmente si esibisce sia con gli Audiofono che come dj set in locali ed eventi.

 

PARTECIPAZIONI

Voce e cori – Gigi Mastrodonato

Keyboard – Gigi Mastrodonato

Batteria – Antonino Petralia

Basso, chitarra, keyboard, pianoforte – Francesco Corvino

Mixing audio – Francesco Corvino

 

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.