GIUNI RUSSO – Muero porque no muero

Il video di “Muero porque no muero”,  realizzato sulla versione spagnola inedita del brano incluso nel cd di Giuni Russo “Las Moradas” recentemente uscito nei negozi e store digitali distribuito da Edel. Il disco ha già esaurito due tirature limitate in versione digipack.

Il video di “Muero porque no muero” è stato realizzato con immagini inedite tratte dal live ed è corredato dal testo della canzone scritta da Giuni Russo e ispiratole da Santa Teresa d’Avila, come Giuni stessa dichiara nel concerto. Infatti il disco rientra nelle iniziative di festeggiamento per il 500esimo anniversario di S. Teresa d’Avila, Dottore della Chiesa.

“Las Moradas” è la registrazione integrale del live tenutosi lo scorso 29 dicembre 1999 alla basilica di San Lorenzo Maggiore a Milano. Il cd prodotto da Maria Antonietta Sisini è dedicato a Papa Francesco il quale, omaggiato della biografia di Giuni Russo edita da Bompiani, ne è rimasto talmente colpito da scrivere una lettera di suo pugno per ringraziare personalmente la Signora Sisini.

L’album è un esempio di intensa e toccante spiritualità, un gioiello che testimonia l’unicità di questa straordinaria e raffinata artista capace di repentini e stupefacenti cambi di registri vocali. Molte le versioni inedite contenute in questo disco composto da 14 brani: da “Come sei bella” e  “Oceano d’amore” a ”L’Addio” o “la sua Figura”. La post produzione del disco è stata affidata a Pino Pinaxa Pischetola.

Giuni Russo è stata una popolare cantautrice italiana con 23 album pubblicati (diversi postumi) e oltre 10 milioni di copie vendute. Dalla vittoria al Festival di Castrocaro nel 1967 e la successiva partecipazione a Sanremo (ci tornerà poi nel 2003) e le numerose apparizioni a Festivalbar, l’artista ha avuto una intensa carriera discografica alternando lavori sperimentali ricchi di elettronica come “Energie” o “A casa di Ida Rubinstein” a successi commerciali come “Un’estate al mare” o “Alghero”. Dopo la sua morte nel settembre 2004, Maria Antonietta Sisini, coautrice e produttrice di Giuni Russo da sempre, fonda l’Associazione GiuniRussoArte, il cui unico scopo è la promozione e la tutela del patrimonio artistico di Giuni Russo. Info: www.giunirusso.it

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.