HIDDEN PARTS – Disco(mfort)

Quello per “Disco(mfort)” è un stato lungo lavoro di improvvisazioni in sala prove. Ogni brano è nato spontaneamente durante le sessions, nulla è stato composto preventivamente. Abbiamo colto i momenti di intesa più ispirati e i riff più imprevedibili ed efficaci. Momenti irripetibili e unici pazientemente registrati live per oltre 7 anni.

Si presenta così la band emiliana e chiarisce al meglio l’intento creativo e artistico del progetto. Brani “aperti” e dilatati, sonorità sospese, riferimenti alle fobìe dei Killing Joke, alle ritmiche selvagge degli Swans e Circus Mort, sperimentazione, dub, elettronica, momenti free, nevrotici e tiratissimi funk punk. Un lavoro non certo facile ma di grande presa e interesse, nonchè di assoluta personalità.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *