IMANY – Like a prayer

“Like a Prayer”, terza traccia estratta dal disco Voodoo Cello (in uscita il 3 settembre via ThinkZik! e anticipato dal singolo “Wonderful Life“) caratterizzato da una sola voce, quella di Imany, accompagnata da 8 violoncellisti per un album di cover che è riuscita perfettamente a fare tutto suo.

Perchè Nadia Mladjao può fare qualsiasi cosa.
Si è ritagliata un posto in una grande famiglia delle Comore, dove è sempre riuscita a dire la sua.
Si è fatta le ossa come modella a New York prima che il richiamo della musica fosse troppo forte per essere ignorato e che la portasse a scegliere il nome d’arte Imany.
Ha pubblicato due album, The Shape of a Broken Heart (2011), contenente la bellissima You Will Never Know e The Wrong Kind of War (2016), che mescolavano soul e folk con incredibile brio.
Ha scritto un successo, “Don’t Be So Shy“, come inno al potere femminile per il film Sous les jupes des filles, diretto da Audrey Dana.
Imany ha anche rotto i tabù sull’endometriosi mentre combatteva a fianco dell’associazione ENDOmind, un viaggio intrapreso ispirata dalla propria esperienza personale, riconoscendo anche pubblicamente –  in occasione dei premi Victoires de la Musique – la responsabilità dell’artista e dei messaggi di cui è portatore.

Il disco si preannuncia come una vera sfida: una sola voce e 8 violoncelli, un capriccio? Niente affatto.
Otto violoncelli sono una moltitudine di possibilità tra note basse e alte: “Sometimes, you get the impression they’re brass instruments or electric guitars… Like they’re haunted.” .
Ha così voluto lanciare una sorta di incantesimo su questo strumento affascinante lavorando a una serie di cover usando una serie di cover. Come una sorta di voodoo. E, poiché “Voodoo Child” di Jimi Hendrix suona così bene, l’album è stato chiamato Voodoo Cello.

A 40 anni, Imany è più sicura di sé e pronta a rischiare: “Since I’d managed to become a mother without putting aside my work, I decided to stop doubting. To accept the sacred feminine fire, not as a domination, but as a force to be reckoned with. What counts is what makes sense. And there’s nothing a woman can’t do.” .
Voodoo Cello ne è la prova: un album cantato, registrato, arrangiato e prodotto dalla stessa Imany e senza bisogno di altro che dei violoncellisti.

Le canzoni sono state scelte tra i grandi classici fino a quelle più recenti: “What makes a good cover is when the song becomes your own. I approach the song with voice and guitar, find the key that suits me, I change the tempo… and I listen to the lyrics. I can’t sing words I don’t believe in.” .

“Eight cellos means eight souls speaking to us,” confessa Imany. “You either love it or hate it… It’s metaphysical!” .

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.