KRIKKA REGGAE – Virus

Per Lucania Sound Digital il nuovo singolo di Krikka Reggae, dal titolo “Virus”: il primo dei due brani che anticipano la pubblicazione del sesto disco, attesa in autunno.

Nato in occasione di feste e dance hall, durante l’estate del 2001 sulle spiagge della costa jonica, il gruppo unisce il dialetto della terra lucana alla musica jamaicana e dà vita a un repertorio originale dalla marcata connotazione performativa.

 

“Virus”, il singolo in uscita su tutte le piattaforme digitali, ha un titolo che può trarre in inganno: il suo contenuto è sì legato alla fine delle restrizioni anti-covid – fine datata al 1° maggio scorso –, però, già a un primo ascolto, non può non risultare spiazzante, come le sonorità di questa nuova produzione targata Krikka Reggae.

«Nel momento in cui cadono le restrizioni, dopo due anni in cui non si poteva ballare, andare ai concerti, stare vicini e godere della bellezza di un momento catartico come quello di un live» racconta la band, «l’unico Virus da cui vogliamo farci contagiare è quello della Musica».

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *