La storia in chiave Metal

Un po’ di Metal educativo oggi! Pare infatti che ai rappresentanti di questo genere piaccia un bel po’ ispirarsi a fatti o personaggi storici per i propri brani, per cui ecco nascere brani come “Winds of Change” degli Scorpions, che non è un brano d’amore come spesso si crede, ma una celebrazione della caduta del muro che separava Berlino Est da quella Ovest. Sulla scia di questa canzone, molte altre se ne trovano, da “Alexander the Great” degli Iron Maiden, un vero e proprio riassunto in chiave Metal della vita del grande condottiero macedone, a “Creeping Death” dei Metallica, brano dedicato alle sette piaghe d’Egitto, passando per la condanna contro i coloni europei, sterminatori di Indiani d’America in “Indians” degli Anthrax.

E se gli Amon Amarth con “Arson” fanno saltare sul divano con l’incredibile intro a suon di corni evocativi, introducendoci nel bel mezzo di una guerra di quelle che combattevano i Vichinghi, i Sabaton spiazzano tutti catapultandoci in guerra (senza timore di smentita), in pieno D-Day, con “Primo Victoria”: obiettivo raggiunto, la sensazione della guerra è totale.

Buon ascolto.

 

 

 

Elena Miglietti

Elena Miglietti

Giornalista, appassionata di Medioevo e pallavolo, scrive favole. Per Coop ha coordinato per diverso tempo la redazione piemontese del periodico Consumatori, essendo anche membro della redazione nazionale. Da anni racconta l'esperienza delle cooperative Libera Terra, che lavorano le terre confiscate alla malavita dell'entroterra corleonese. E' fra i promotori del S.U.S.A. Collabora con Radiocoop dal 2010.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.