LEDA – Nembutal

“Nembutal” è la traccia più psichedelica di “Memorie dal Futuro”, un album alternative rock, ma a cui non piacciano le etichette. Ogni canzone ha sfumature diverse e in questo terzo singolo, la forma canzone si decompone in un loop sonoro denso di chitarre distorte, echi lontani, ritmo magnetico.

“Nembutal” è il nome di un potente barbiturico che può essere utilizzato nei percorsi di fine vita. A proposito di uno dei maggiori dibattiti della bioetica moderna, il filosofo Hans Jonas riconosce il diritto di vivere come fonte di tutti i diritti, incluso quindi quello di morire. Che si possa essere d’accordo o no, di fatto la vita e la morte appartengono all’uomo e non sono due estremi lontani. La morte è complementare alla nascita e dove c’è la nascita c’è anche la morte. La vita racchiude tutto questo e, in questo mondo, in ogni cosa che termina c’è l’inizio di qualcos’altro.

Il video vede nuovamente la collaborazione tra i Leda e Marco Bragaglia, regista del primo singolo “Ho continuato”, che dichiara: “E’ stato interessante trattare un tema così delicato lavorando con del materiale così vitale come degli spezzoni di filmati analogici di una neonata presi da vecchi VHS. Per realizzare questo video, mi sono immaginato di essere nei panni di questa neonata che oggi è diventata una ragazza. Con gli occhi della ragazza, ho immaginato che stesse facendo un viaggio dentro se stessa, vedendosi  nuovamente piccola ed inerme, ma consapevole della sua duplice condizione: avere tutta una vita da vivere, ma al tempo stesso di aver già vissuto e preso delle decisioni che le potrebbero negare un futuro prossimo. Per la realizzazione del video ho avuto un approccio sperimentale e creativamente libero dove ho lasciato fluire tante emozioni contrapposte, facendomi trasportare dalla musica della canzone, immedesimandomi in questa storia di finzione trasformando completamente il girato di repertorio.”

La fotografia è stata realizzata in questi giorni di quarantena, dalla fotografa marchigiana Mary Della Giovanna, utilizzando la tecnica dello scatto in remoto: dopo un sopralluogo virtuale delle case dei membri della band, ha scelto l’inquadratura e la posa e chiesto ai soggetti di farsi un autoscatto con il proprio cellulare.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.