LES FLEURS DES MALADIVES – NABA Design Blues

La domanda è strana, vai alla NABA?” cantano Les Fleurs des Maladives nel nuovo singolo “NABA Design Blues” che anticipa il tour estivo della band.

Il brano, un up-tempo martellante dal ritornello a presa rapida, è accompagnato da un video girato dalla voce della band Davide Noseda a La Nuova Accademia di Belle Arti, nota come NABA, durante l’Open Day 2018 dell’ateneo. Il risultato è un clip ironico, a metà fra documentario, video-installazione e clip musicale, nel quale compare anche la famosa “Merda d’Artista” di Piero Manzoni, come una sorta di beffardo omaggio e sintesi dell’ambigua provocazione della canzone e del video.

Apparenza o sostanza? Autenticità o omologazione? Arte o moda? Sono alcune delle scelte che più o meno consapevolmente facciamo nella vita di tutti i giorni, nei rapporti con gli altri, a scuola, sul lavoro, sui social-network. La distinzione però non è mai un confine netto. La NABA si trova a Milano sui Navigli ed è uno dei tanti simboli della fashion culture milanese. Il video si avvale del lip-sync corale dei casuali protagonisti che ha lo scopo di generare un cortocircuito concettuale tra forma e contenuto”.

NABA Design Blues” è uno dei brani di “Il Rock è morto”, il disco che Les Fleurs des Maladives hanno pubblicato a marzo 2017 per Ostile Records con la produzione di Max Zanotti (Deasonika, Rezophonic, Casablanca). L’album vede la partecipazione di Alteria, voce femminile nella reinterpretazione di “Le Tre Verità” di Lucio Battisti.

Il rock è morto” è un intercalare tipico di quando si parla di musica ed è il punto di partenza sarcastico attorno al quale Les Fleurs Des Maladives costruiscono i dieci brani contenuti nell’album, scritti e composti attingendo a piene mani dal vissuto del precedente tour, dall’energia dei tanti live e dai mille discorsi nati nei backstage, tra fan e amici, su cosa sia il Rock’n’Roll e su cosa possa significare nel presente.

Ne nasce un disco/racconto appassionato che celebra l’autenticità (artistica e non) e che parla di Rock mentre il Rock lo suona, ricco di ironia provocatoria e popolato da personaggi, citazioni e luoghi reali, amalgamati a elementi della pop-culture e dell’attualità.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.