LIGHT THIS NIGHT – Come back

Come back” è il primo singolo della band Light This Night in collaborazione con Sorry Mom!

Il brano è un racconto intimo, malinconico e a tratti cupo, di un’esperienza vissuta in prima persona dal cantante della band.

Parla principalmente di mancanze, di un amore impossibile iniziato e terminato troppo presto.
Racconta di come, anche quando si cerca in ogni modo di dimenticare persone care che non ci sono più, i loro fantasmi continuino comunque a vagare nel quotidiano, ricordando azioni o luoghi dove si è stati bene con esse, fino a quando non ci abituiamo al pensiero che essi non ci saranno più e non torneranno.

Il bridge del brano in particolare, lascia aperto uno spiraglio sullo scorrere della vita e sul continuo cambiamento che porterà il protagonista a stare meglio solo dopo aver accettato il concludersi della storia.

LIGHT THIS NIGHT 

Light this Night sono una band alternative rock nata da Lorenzo (il cantante) e Andrea (il chitarrista).

Dopo esperienze come duo, decidono di formare una band vera e propria e si andranno ad aggiungere Dimos (batterista) e Chiara (bassista).

La band nata durante l’anno del covid ha scelto quel nome anche per identificarsi come una “luce che illumina la notte buia”, una speranza per gli stessi ragazzi in questo periodo difficile.

Hanno partecipato con successo al Tour music fest e alla finale di Gocce di Musica.
Il cambio di rotta professionale della band arriva insieme al primo importante cambio di lineup: l’ingresso del nuovo batterista Jacopo.
La band ha registrato vari brani che andranno a presentare durante l’anno, il primo singolo si intitola “Come Back”.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *