MAMO’S BAND – Ricordi

Il nuovo video della formazione capitanata da

Massimo Pedrani e prodotta da Gigi Marrese

E’ disponibile su YouTube “Ricordi”, il nuovo video della Mamo’s Band, poliedrica formazione con alla guida Massimo “Mamo” Pedrani, dal quale prende il nome, e prodotta da Gigi Marrese. Il brano, tratto dal debut album “Mamo o non M’Amo” (Abeat Records), già disponibile in digital download e in streaming, porta l’ascoltatore in ambienti retrò, come suggerisce il titolo, grazie ad una base ispirata ad una ballad blues dove un sax soprano, con richiamo anni ’50, improvvisa senza limiti di arrangiamento.

 

Dimmi che mi sveglierò

Con la faccia dentro l’erba

In quel magico mattino

Dal colore di una perla

 

 

Nel testo della canzone, che dipinge quadri pennellati a parole, come nella migliore tradizione cantautorale del nostro Paese, i ricordi di Massimo “Mamo” Pedrani, interprete del brano, riaffiorano improvvisamente, come un’onda di emozioni che si ripresenta seguendo i paradigmi della vita di oggi. Elementi che contraggono tra loro una relazione virtuale di sostituibilità, sovrapponendosi l’uno all’altro nel medesimo contesto.

 

Forse mi ricorderò

Di quel gioco senza tempo

Che vive ancora in me

Col passare forte e lento

 

Nel video, opera del regista Vito Signorile, Mamo è sia protagonista che spettatore, assistendo, seduto da solo in un teatro vuoto, ad un concerto da lui stesso interpretato. Sulle note di “Ricordi”, e sulle parole del testo, le immagini del suo passato riprendono vita, in un montaggio dal sapore onirico.

 

“Ricordi” è stata scritta da Massimo “Mamo” Pedrani e composta da Antonio Nicoletta, che ne ha curato anche gli arrangiamenti, registrazione, mix e master presso Carmine Iorio Studio. Hanno suonato: Massimo “Mamo” Pedrani (Voce, Basso), Antonio Nicoletta (Cori), David Ambrosioni (Sax), Fabio Agatea (Pianoforte, Tastiere), Fabio Buonarota (Tromba, Flicorno), Angelo Corvino (Batteria), Christian Tassi (Voce, Tastiere, Flauto Traverso, Fisarmonica), Gigi Marrese (Chitarra elettrica, Chitarra acustica, Mandolino), Luca Marino (Chitarra acustica), Giovanni Mirolli (Violino, Viola).

 

Mamo’s Band

Quando arte e musica si incontrano in un “nuovo progetto”. Musicisti e artisti che sfuggono per un momento dalle loro esperienze musicali, band e orchestre, per incontrarsi e partecipare inconsciamente, alla realizzazione di un originale prodotto discografico presentato al Teatro Manzoni di Busto Arsizio lo scorso 24 Gennaio 2020. Tutto nasce inconsapevolmente fra i banchi di scuola, molti anni fa, e rinasce, come tutte le cose ancestrali e congiunzioni astrali, in modo casuale dal rincontrarsi di vecchi e nuovi amici involontariamente determinati a volare oltre la musica e i propri sentimenti. Questa è la Mamo’s band, nata dal desiderio di alcune persone di aprire la porta a tutti coloro che avessero voluto contribuire alla nascita e costruzione di brani originali per soggetti, parole e musiche. Un percorso che unisce il desiderio di mettersi in gioco con l’originalità dei testi cantautorali e la dolce armoniosità delle voci e degli strumenti che entrano ed escono dal palco come un piccolo vortice melodico. Non c’è un leader ma tanti solisti e coristi magistralmente diretti, questo si , da un direttore artistico eclettico e professionale. Il 6 Marzo 2020 pubblicano il disco di debutto “Mamo o non M’amo” per Abeat Records.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.