MILLENNIUM BUG – Blue (Da Ba Dee)

Millennium Bug reinterpretano il successo degli Eiffel 65 “Blue (Da Ba Dee)”. I componenti della band avevano il desiderio di cimentarsi in una cover, partendo da un brano molto distante dal loro sound, per poi vivisezionarlo, riarrangiarlo, stravolgerlo e renderlo proprio. Così la scelta è ricaduta su Blue, che con il suo potente sound anni ’90 e la massiccia presenza nella cultura pop anni 2000 ha messo d’accordo tutti. Per testarlo, la band lo ha eseguito live e, visto lo sconcerto dei presenti, ha capito che era la scelta giusta.

Millennium Bug

Millennium Bug sono composti da Stefano “Steve” Mannari alla voce, Lorenzo “Palmé” Palmerini e Stefano Sarti alle chitarre, Filippo D’Ercole al Basso e Gabriele “Mohawk” Andreucci alla batteria.
Già amici da anni, nel 2017 decidono di fondare insieme i Millennium Bug come progetto alternative rock / post grunge, traendo ispirazione da artisti come Rage Against The Machine, Stone Sour, Nothing But Thieves e Foo Fighters.

Nei primi anni rafforzano il proprio repertorio, così da eseguire un numero sempre maggiore di live tra Toscana ed Emilia Romagna, fino a partecipare nel 2019 al Concerto del 1 Maggio di Capannori, in apertura a ROS, Simone Cristicchi e Cristina d’Avena + Gem Boy.
Il 30 Novembre 2019 pubblicano l’EP d’esordio “Start from Scratches” dal quale vengono estratti i singoli “Save Me”, “Push It To The Limit”, “Monsters” e l’ultimissimo “Crave & Desire”.
Grazie alla qualificazione alle finali della 33a Edizione di Sanremo Rock, si esibiscono sul palco del Teatro Ariston di Sanremo ed entrano in contatto con la Management “Sorry Mom!”, con la quale firmano un contratto di collaborazione nel Novembre 2020.
Il loro sound fonde riff di chitarra grunge e arpeggi alternative ad una solida sezione ritmica che sostiene linee vocali che “gridano” al mondo come ci si sente ad essere “diversi” in una società che standardizza tutto ed uniforma tutti, rappresentata proprio dallo spartiacque del Millennium Bug e quanto possa essere complesso dover crescere nei primi anni 2000 “sopravvivendo” alla fine del XX secolo.
Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.